Trapianto Di Capelli Indolore

É normale per i pazienti affetti da calvizie, passare ore su internet a vedere video sulla procedura chirurgica a cui sottoporsi. Questi video forniscono numerose informazioni ma certe domande rimangono senza risposta. Una delle domande più frequenti tra i pazienti prossimi a sottoporsi a un trapianto di capelli è la seguente: “l’intervento è doloroso?”

Per rispondere a questa domanda c’è prima bisogno di spiegare le nozioni base del procedimento del trapianto di capelli.

La tecnica FUE come metodo per realizzare un trapianto di capelli più comodo.

Ormai da un paio di anni, la tecnica FUE per il trapianto di capelli ha preso piede e si è trasformata nella più popolare tra gli specialisti e pazienti, essendo in grado di ridurre il dolore percepito e aumentare i livelli di comfort. A parte questa tecnica, ce ne sono altre che vedremo in seguito.

painless

Altre metodologie per il trapianto di capelli.

Tenendo presente la tecnica FUE per i trapianti di capelli e aggiungendo l’uso di una penna implanter Choi, è stata inventata un’altra tecnica chiamata DHI o Direct Hair Transplantation. Questa tecnica ha rivoluzionato il modo di impiantare le unità follicolari, eliminando il problema del dolore in quanto viene solo leggermente percepito l’ago per l’anestesia. Inoltre, in questo caso il tempo che serve per l’intervento aumenta e c’è bisogno anche di più personale. Altre tecniche come la FUE Zaffiro, FUE robotizzata, FUE con micro motore, FUE U-Graft, trapianto di capelli con tecnica percutanea e molte altre. Esempi non tecnici ma che riguardano il modo di lavorare includono il trapianto di capelli senza rasatura, senza dolore, senza ago e molto altro. Fondamentalmente, si potrebbe dire che ogni tecnica è diversa ma si basano tutte sulla tecnica FUE.

L´obiettivo principale nel migliorare sempre più queste tecniche è quella di diminuire il disagio e il dolore percepito dal paziente durante la procedura chirurgica. Nella tecnica FUE ci sono fondamentali due fasi importanti dove l´uso dell´anestesia per evitare il dolore al paziente:

  • La fase di estrazione dei follicoli piliferi dall’area donatrice: questa fase viene realizzata con l’aiuto di micro motori e punte micropunch. Uniti a questi dispositivi ci sono delle lame o bisturi (di acciaio chirurgico o zaffiro) che sono i responsabili dell’estrazione nella regione donatrice. Poiché il cuoio capelluto viene penetrato dalle lame, la somministrazione di anestetici locali è d’obbligo. Oltre all’uso dell’anestesia, il ridurre al minimo la velocità di rotazione dei bisturi e usare lame affilate può aumentare la serenità del paziente durante l’intervento.
  • La fase di elaborazione delle incisioni e la fase dell´impianto nell’area ricevente: prendendo l’esempio della tecnica DHI, la fase dell´impianto è preceduta dall´elaborazione delle incisioni dove andranno impiantati i follicoli piliferi nell’area ricevente. Nella tecnica DHI, questi due movimenti avvengono nello stesso momento usando una penna implanter Choi, la quale crea l’incisione e inserisce il follicolo dentro il cuoio capelluto. La qualità degli aghi usati è proporzionale alla qualità del risultato finale. Un altro caso è quello delle lame di zaffiro, le quali vengono usate per creare le incisioni prima di impiantare i follicoli, creando le condizioni per un migliore processo postoperatorio. Questo accade perché le lame di zaffiro hanno una superficie più liscia e in questo modo diminuiscono le complicazioni capillari.

L´utilizzo dell´anestetico nel trapianto di capelli.

L´uso dell’anestesia prima di queste due fasi fondamentali è d’obbligo, tanto per lo specialista come per il paziente. Poiché l´anestesia avviene localmente, la zona da “addormentare” per diminuire la sensibilità è molto piccola. Questo dà via libera alla procedura dell´intervento microchirurgico. Ovviamente, il livello di comfort dipenderà dal tipo di anestesia e dalla tecnica usata per applicarlo.

Le tecniche di somministrazione degli agenti anestetici associate a un trapianto di capelli senza dolore sono:

  • Anestesia generale: di solito questo tipo di anestesia non è utilizzata in casi di trapianto di capelli. Più che rilassare il paziente, l´anestesia generale serve a portarlo in uno stato di sonno profondo, aumentando il rischio di sviluppare complicazioni.
  • Anestesia regionale: consiste nell´anestesia totale di una parte specifica del corpo. Come la precedente, nemmeno questa viene usata per fare trapianti di capelli.
  • Anestesia locale: è l’anestesia normalmente usata per fare i trapianti capillari. Questa può essere applicata tanto con iniezioni tradizionali con ago sia con iniezioni a getto senza ago.
  • Sedazione: questa è la pratica più comoda per i trapianti di capelli; si può somministrare sia per via respiratoria che vascolare. Per tutta la durata della procedura chirurgica, la sedazione può essere regolata e monitorata per riuscire ad ottenere il maggior comfort possibile per il paziente. É considerato un metodo totalmente sicuro da usare.

Su cosa si basa il trapianto di capelli senza dolore?

Per trapianto di capelli indolore si intende la procedura chirurgica che si attua senza che il paziente percepisca dolore. Si sentirà solo un leggerissimo fastidio al momento delle iniezioni (in caso si usino degli aghi) dell’anestetico locale durante l’estrazione e l’impianto dei follicoli piliferi. Inoltre, viene somministrato ai pazienti delle pastiglie per aiutare il rilassamento almeno 30 minuti prima dell’intervento.

Applicazione dell´anestetico locale usando l´iniezione con aghi.

Nelle fasi di estrazione e di apertura dei micro canali l´anestesia locale viene somministrata comunemente attraverso degli aghi. Questi aghi sono estremamente sottili e la procedura è veramente veloce; in pochissimi minuti e in modo rapido e indolore si inserisce l´anestetico parallelamente alla superficie della pelle in modo che sia assorbito dal cuoio capelluto.

Questa nuova tecnica di somministrazione di anestesia locale garantisce un intervento libero dal dolore attraverso l’uso di iniezioni a getto. Invece di usare aghi, l’anestetico si somministra facendo uso dell´energia meccanica per creare una pressione positiva capace di aprire canali molto piccoli da cui entra l´anestetico. Questi iniettori speciali possono essere di plastica, i quali generano una pressione minore con un’anestesia più lenta, o di acciaio, i quali generano una maggiore pressione con un’anestesia più rapida.

L´uso di queste iniezioni senza ago è paragonabile a quelle classiche: in questo modo la procedura è leggermente più lunga e viene sempre perfezionata tramite la siringa classica.

La sedazione come complemento all’anestesia locale.

Uno dei vari metodi di anestesia disponibili attualmente per i trapianti di capelli è quello di effettuare una sedazione prima di applicare l´anestetico locale usando un iniettore senza ago in acciaio. La sedazione dovrà essere somministrata per via endovenosa dei minuti prima dell’inizio dell´intervento.

La somministrazione della sedazione, però, non è molto consigliabile in quanto più costosa rispetto ad altri metodi altrettanto se non più efficaci.

Altri fattori che riducono la presenza di dolore durante l’intervento.

  • Usare un micromotore a bassa velocità durante l’estrazione dei follicoli piliferi.
  • Usare un micromotore con piccoli aghi cilindrici o micropunch in acciaio, rinnovando durante l´intervento.
  • Usare lame in zaffiro invece che quelle in acciaio durante la fase di creazione dei micro canali nella regione ricevente.
  • Somministrare i medicinali corretti per la guarigione delle ferite create.
Switch The Language