HIV Oppure Epatite C

particular_cases_hiv_positive_hepatitis

HIV+ o Epatite C

Il dibattito se il trapianto si possa fare o meno in pazienti con determinate malattie. Dove il contagio avviene via sangue come ad esempio l’HIV+ o l’epatite C si sviluppa da vari anni.

Piú che l´epatite C, essere HIV+ rappresenta ancora un tabú per molte persone. Medici e chirurghi inclusi, ed esporsi a realizzare un´intervento chirurgico. Come lo è il trapianto di capelli può essere un fattore che molti considerano pericoloso.

Ma dal punto di vista di un chirurgo, in realtà non ci sono vere ragioni. Per non praticare l’intervento mentre il paziente è nella fase controllata della HIV o epatite C.  A parte la paura del rischio di infettarsi. La preoccupazione sta nell’operare un paziente con un deficit immunitario. Oppure uno stato generale non del tutto normale.

Per esempio, una semplice infezione secondaria all’intervento

chirurgico rappresenta una complicanza lieve per pazienti sani ma può arrivare ad essere una complicanza abbastanza severa per pazienti malati con HIV o epatite C, rischiando di creare un quadro clinico molto peggiore a quello sviluppato in pazienti non affetti da questi virus.

Gli specialisti in tricologia favorevoli a realizzare questa procedura in pazienti malati si basano sull’affermazione che il virus non è più quello di venti anni fa. Ormai, le persone con HIV o epatite C  sono capaci di vivere per diversi anni con la cura corretta. Lo stesso vale per i pazienti con epatite C.

Esami del sangue HIV+ o Epatite C

I negativi di realizzare esami del sangue prima dell´intervento. E’ che alcune volte questi esami non diventano positivi prima di alcuni mesi. Questo aspetto potrebbe essere motivo di preoccupazione per il team di specialisti. Non essendo sicuri se il paziente si sia infettato o no in quei mesi.

particular_cases_hiv_positive_hepatitis

Sia che siano richiesti gli esami di sangue prima dell´intervento oppure no, tutti i team medici operano della stessa maniera e seguendo norme precise, come se i pazienti avessero uno di questi due virus:

Ad ogni modo, ci sono certi fatti importanti da tenere in considerazione se si attua un intervento.

Il trapianto di capelli in pazienti affetti da HIV o epatite C puó essere realizzato. Oviamente, seguendo norme precise e senza mai mancare di rispetto al paziente.

Switch The Language